Export Brasile: Come Ridurre i Dazi Doganali? Parte I

Export Brasile: Come Ridurre i Dazi Doganali? Parte I

Export in Brasile: Quanto Costa aprire una Filiale in Brasile? E come Funziona?

Export Brasile: Quanto costa aprire una società di capitale straniero in Brasile, come funziona, è necessario avere un socio Brasiliano?
Queste sono solo alcune, delle domande più ricorrenti, che gli imprenditori italiani ci rivolgono durante un primo approccio al mercato brasiliano.

Durante questi mesi abbiamo dedicato diversi articoli riguardanti l’export in Brasile, per leggerli clicca qui

Aprire una società in Brasile non è semplicissimo, molti commercialisti (contador) offrono soluzioni low-cost che vi creeranno problematiche future, come l’impossibilità di ottenere la licenza di importazione(il motivo generalmente è la mancanza della registrazione del deposito del capitale sociale) o il funzionamento dell’attività (licenza Cetesb).
Importante: nel momento della costituzione societaria sarà definire con chiarezza l’oggetto sociale, consigliamo di scrivere tutte le attività svolte.

Export brasile - IB Investire in Brasile

Come Funzione e Quanto Costa Aprire in Brasile?

Il costo di apertura di una società è inferiore a 1.000 euro. Il vero costo che non viene presentato dal commercialista è quello di preparazione dei documentiaccompagnamento pratiche. Il tempo per ottenere un CNPJ (partita Iva) è di circa 30 giorni lavorativi, ma il tempo di funzionamento dell’attività è ben superiore.

In media, da quando si iniziano ad organizzare i documenti fino al momento dell’operatività dell’attività passano circa 4-6 mesi. Diffidate di quei commercialisti che vantano tempi inferiori e offrono pacchetti promozionali.
Il valore del capitale sociale da versare, che può essere utilizzato appena versato, è libero. Il nostro consiglio è di depositare un valore uguale o superiore al valore della prima importazione.
Per aprire una società non è necessario avere un socio brasiliano, ma è necessario che il responsabile legale dell’azienda abbia residenza in Brasile.
Una persona straniera con visto di residenza permanente può essere il responsabile legale della società.

Anti-tariffario/Anti-dumping

La riduzione dei tassi doganali dall’Europa verso il Brasile è possibile per le tipologie di prodotto rientranti nella categoria soggetta al regime speciale definito anti-dumping.

Per poter sapere se il proprio prodotto rientra o meno in questa categoria è necessario conoscere il codice doganale italiano ed il rispettivo NCM brasiliano. NCM significa “Nomenclatura Comum do Mercosul”, semplificando è il codice doganale del prodotto nei mercati Sud Americani; è importante precisare che i primi 4 numeri sono uguali a livello mondiale e gli ultimi 4 sono personalizzati.

Anti-dumping è un sistema che ha come obbiettivo agevolare l’entrata di un prodotto straniero nel mercato locale, in quanto non presente o presente in quantità non sufficienti per soddisfare la domanda del Paese.

La finalità di questo sistema è permettere al mercato locale di avere a disposizione prodotti stranieri tecnologicamente superiori.

A breve, la seconda parte del nostro approfondimento: Export Brasile: Come Ridurre i Dazi Doganali? Parte II

Stay tuned!

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità e sull’andamento del mercato brasiliano, registrati alla nostra newsletter e seguici sui nostri canali social Facebook, Google +Linkedin Twitter
Export Brasile: Come Ridurre i Dazi Doganali? Parte II Export Brasile: Perché l'arresto di Battisti è un'ottima notizia anche per le aziende italiane?
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.