Industria Brasile: Costi di Produzione più Alti Obbligano Imprese BR ad Importare

Industria Brasile: Costi di Produzione più Alti Obbligano Imprese BR ad Importare

Industria Brasile: I Costi di Produzione del Paese verdeoro sono del 30% piú Alti rispetto agli U.S.A. Nel 2013 la differenza era del 37%.

Industria Brasile – Un prodotto fabbricato in Brasile costa il 30% in più rispetto allo stesso prodotto prodotto negli Stati Uniti o in Germania, paesi con cui l’industria brasiliana compete e che ha diverse filiali in Brasile. Lo studio comparativo del costo del Brasile è stato effettuato dall’Associazione brasiliana dell’industria delle macchine e attrezzature (Abimaq).

Industria Brasile: Costi di Produzione più Alti Obbligano Imprese BR ad Importare

Nelle due precedenti edizioni del sondaggio, presentate nel 2010 e nel 2013, questa differenza del cosiddetto costo Brasile era del 37%. “Sfortunatamente la riduzione non è stata una conseguenza di uno sforzo del governo per ridurre i nostri costi, ma il deprezzamento del real contro il dollaro e la riduzione del tasso di interesse di base dell’economia”, ha detto il presidente dell’entità, João Carlos Marchesan.

Senza l’effetto di scambio, dice, la differenza sarebbe vicina alle percentuali degli anni precedenti. Lo studio prende in considerazione le variabili di interesse sul capitale circolante, gli input di base, le tasse irrecuperabili nella catena, la logistica, i costi sociali e del lavoro, i costi burocratici e normativi, i costi di investimento e di energia.
“La maggior parte della nostra mancanza di competitività è un problema del Brasile e non dell’industria, perché è il risultato di fattori sistemici su cui non abbiamo alcun controllo“, aggiunge Mario Bernardini, direttore della competitività di Abimaq.

Industria Brasile – Ecco perché alle Aziende brasiliane Conviene Importare

L’unico produttore di compressori e apparecchiature di refrigerazione nell’emisfero australe, Bitzer, con una fabbrica a Cotia, nella grande San Paolo, è un esempio di questa mancanza di competitività causata da “fattori sistemici”. La società ha già esportato circa il 35% della sua produzione nei primi anni 2000 negli Stati Uniti e in Europa, inclusa la società madre in Germania.

Il 15% di ciò che produce va all’estero, ma la stragrande maggioranza è per i Paesi della regione, in particolare l’Argentina, dove il gruppo ha anche una filiale. “All’interno siamo competitivi come/quanto la nostra fabbrica tedesca, ma fuori i confini i nostri prodotti costano circa il 30% in più”, afferma il presidente dell’azienda in Brasile, Fernando Bueno.

Secondo lui, la fabbrica locale ha le stesse attrezzature della matrice, funziona in modo simile ed i dipendenti ricevono la stessa formazione. “Abbiamo produttività, ma non abbiamo competitività”, afferma Bueno. “I tassi di cambio, le tasse e gli alti tassi di interesse stimati non ci rendono

Industria Brasile – Come Recuperare 

Abimaq difende una politica statale per recuperare la capacità produttiva delle industrie di trasformazione che, dieci anni fa, rappresentavano il 17% del prodotto interno lordo brasiliano (PIL). Oggi, partecipano con il 12%. La capacità di investimento, prima del 18% del PIL, è ora del 15,6% e il numero di lavoratori è sceso da 350 mila nel 2008 a 294,6 mila in maggio. Al culmine della produzione, nel 2013, il settore ha raggiunto 380.000 dipendenti.

Molte fabbriche hanno chiuso le porte. “Non abbiamo più fonderie di alluminio in Brasile e le fonderie di ferro sono poche”, afferma Fernando Bueno, che deve importare il prodotto dalla Germania.

“Il punto chiave in termini di condizioni di investimento è il recupero della capacità competitiva dell’industria Brasile, che inevitabilmente comporterà la riduzione dei costi del Brasile – cosa che però non è stata fatta negli ultimi 30 anni”, afferma Marchesan.

In un altro tentativo di invertire questa situazione, Abimaq ha preparato un opuscolo che è stato presentato e discusso con i candidati alla Presidenza della Repubblica. Con 22 pagine, confronta la situazione economica di dieci paesi, tra cui il Brasile, e suggerisce misure prioritarie per lo sviluppo del settore.
Uno di questi è la necessità di riforme strutturali (riforme fiscali, delle pensioni, delwelfare, monetarie e di cambio). Gli altri punti si concentrano su una politica di sviluppo industriale e di aiuto all’inserimento nel commercio globale.

Per saperne di piú circa l’andamento dell’Industria Brasile, clicca qui.

Per riamere sempre aggiornato sulle novitá e sull’andamento del mercato brasiliano, registrati alla nostra newsletter e seguici sui nostri canali social Facebook, Google +Linkedin Twitter
Investire in Brasile: Aumentano le Importazioni nel Settore Industriale Industria Brasile: CNI Conferma Crescita degli Investimenti
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.